Diga sul torrente Lordo a R.Calabria
Le opere di questo progetto consistono in uno sbarramento del torrente Lordo in località Timpa di Pantaleo  Siderno (RC) mediante una diga in materiali sciolti di tipo zonato, per la presa d’acqua ai fini irrigui, e di una condotta di adduzione dal fiume Torbido sino al costruendo invaso.
Il volume totale dell’invaso è di 9.130.000 mc d’acqua e sono state costruite opere d’arte per 50.000 mc di calcestruzzo e 2.450 t di acciaio.

Le opere d’arte annesse, progettate a servizio dello sbarramento sono:

Scarico di fondo ed opera di presa
- Imbocco della galleria dello scarico di fondo: è costituito da uno scatolare,
a sezione interna circolare e a sezione esterna quadrata, soggetto al peso ed alla spinta orizzontale del rinterro.
E’ realizzato in c.a. gettato in opera.
- Imbocco tratto artificiale: consiste in un tratto di galleria artificiale che va a raccordare l’imbocco con la galleria naturale dello scarico di fondo.
- Galleria naturale tratto d’intercettazione  vasche: ha un diametro interno di 3,90 m
e costituisce la galleria dello scarico di fondo. Essa passa attraverso un strato di argilla pliocenica.

Scarico di superficie
- Galleria naturale, con un diametro interno di 6,90 m.
- Calice: è costituito da una struttura anulare a raggio variabile per la parte dello sfioratore e prosegue in una parte cilindrica che poggia sul basamento di fondazione,
il quale si prolunga oltre la proiezione orizzontale del cilindro del calice, fino al giunto della galleria dello scarico di superficie. La parte a raggio variabile viene gettata in casseformi, mentre per la parte cilindrica viene realizzata una paratia di pali disposta lungo il perimetro in cui viene  eseguito lo scavo del terreno.

Vasche di dissipazione
Sono costituite da tre elementi distinti.
- Elementi di connessione con le gallerie degli scarichi: sono gli elementi di transizione tra la sezione circolare delle gallerie e quella trapezoidale delle vasche di calma. Sono realizzate in c.a. gettato in opera.
- Muri laterali delle vasche: sono muri di sostegno a gravità, realizzati in cls di cemento d’altoforno, a basso calore d’idratazione. Laddove necessario sono stati disposti tiranti inclinati di 15°, ad interasse 2,25 m per incrementare la sicurezza alla traslazione del muro.
- Solettone di fondo: è realizzato con piastre in c.a. e per il primo tratto è ancorato con 500 pali subverticali che fungono da tiranti per resistere alla depressione dovuta al moto turbolento dell’acqua.

Diga
- Cunicolo d’ispezione: è costituito da un tombino in cemento armato gettato in opera, soggetto al peso ed alla spinta orizzontale del rinterro che costituisce il rinfianco di valle.

Condotta adduttrice (l = 8,684 km)
La condotta adduttrice è costituita da due parti:

- Condotta adduttrice, lunghezza totale 8,4 km, realizzata con tubi (700 mm in c.a.p.), che presenta lungo il suo percorso le seguenti opere d’arte:
a) opera di presa condotta adduttrice (pozzetto in c.a.)
b) cabina del venturimetro (pozzetto in c.a.)
c) 21 pozzetti d’ispezione (in c.a.)
d) 7 pozzetti di sfiato (in c.a.)
e) 8 pozzetti di scarico (in c.a.)
f) un ponte canale;

- Manufatto d’arrivo condotta adduttrice (pozzetto in c.a.) un canale adduttore, di lunghezza totale 284 m, realizzato con elementi prefabbricati in c.a. con sezione ad U di lunghezza 6 m di dimensioni max 0,6x0,8 m.
L’opera di presa del canale è il manufatto d’arrivo della condotta. Lungo il suo percorso presenta le seguenti opere d’arte:
a) un ponte canale
b) manufatto d’arrivo (elemento a U in c.a.).

Tutte le opere sono state progettate tenendo conto che si trovano in zona sismica di 1a categoria.